Archivi

Argomenti

*Il Supermarket degli Uomini*

in costruzione

Anche Dio il settimo giorno si riposò. Noi no. Ovvero: città d’arte=shopping eterno.

l Sindaco di Faenza, con apposito provvedimento, ha modificato l’ordinanza che disciplina gli orari dei negozi di vendita al dettaglio, stabilendo, a partire dall’1 ottobre 2011, la facoltà e non più l’obbligo della chiusura domenicale dell’esercizio e quella festiva nelle giornate dell’8 dicembre e 6 gennaio. Per quanto riguarda le restanti giornate festive seguirà un successivo provvedimento.

Si coglie l’occasione per ricordare che a partire dall’1 settembre 2011, gli esercizi di vendita al dettaglio, hanno facoltà e non obbligo di osservare la mezza giornata di chiusura infrasettimanale.

(fonte)

 

Tempo fa andai alla Comet e dato che sono una dannata ficcanaso che non è capace di farsi gli affari suoi, ho letto la frase che ballonzolava sullo schermo di un compiuter usato dai commessi: “Anche Dio il settimo giorno si riposò. Noi no.”

Certo, è bello fare acquisti la domenica, senza fretta eccetera.
Ma se tu sei lì a fare vasche al centro commerciale c’è qualcuno che lavora per permetterti di farlo. Dov’è il problema?
Potrei rispondere con parole poco carine.
Tanto per dirne una, i figli.
Ma tanto cosa volete che figli una commessa sottopagata? Magari vive ancora con la mamma (cosa importante nei colloqui di lavoro, a me l’hanno chiesto, ho mentito spudoratamente ma il segno della fede levata cinque minuti prima mi ha fregato) e non avendo soldi per uscire ci sono buone possibilità che non abbia nemmeno un uomo.

Faenza è diventata città d’arte: abolita la chiusura domenicale dei negozi.
Mi spiegate cosa c’entrano i negozi con l’arte?
Posso capire che i turisti abbiano bisogno di bar, ristoranti, negozietti di souvenir, cinema… Ma ditemi sinceramente: un milanese che viene ad esempio a visitare il MIC (Museo Internazionale delle Ceramiche, merita di essere visto) secondo voi subito dopo passerà al supermarket a comprare il vino in cartone o si fermerà all’enoteca?

Faenza conta circa 60.000 abitanti e ben 4 centri commerciali più un futuro outlet, senza contare minimarket e supermarket vari.
Ovviamente i paesi(ni) vicini hanno anche loro il loro centro commerciale.
Ce n’è bisogno?
Io mi chiedo, se c’è crisi perché c’è gente che costruisce centri commerciali?
Perché sentivo (e sento ancora) dire che almeno un paio di questi non vanno tanto bene e ne hanno ugualmente costruito uno nuovo?

Share this nice post:

4 comments to Anche Dio il settimo giorno si riposò. Noi no. Ovvero: città d’arte=shopping eterno.

  • polly

    non so che dire. Da un lato penso che i diritti dei lavoratori vadano rispettati. Però trovo più aberrante un contratto a progetto che una domenica al lavoro.
    Dall’altro credo che certi sindaci devono essere parecchio miopi se pensano che l’apertura domenicale stimoli i consumi, quando la gente non arriva a fine mese.

  • Sì, è peggio un contratto a progetto, ma spesso le due cose stranamente coincidono! quello che mi fa strano è che se sto male anche solo di sabato e devo farmi segnare una medicina dal mio dottore non posso (mi è capitato, per fortuna un farmacista ha avuto compassione e me l’ha venduta ugualmente), mentre invece il supermarket è aperto…
    MelodiaNotturna pubblicati di recente..Anche Dio il settimo giorno si riposò. Noi no. Ovvero: città d’arte=shopping eterno.My Profile

  • intanto stringo la mano a una ragazza che lavora. che vive nella mia città e che la pensa come me. o almeno. la domenica era bella quando la si passava in famiglia. con gli amici, a far scampagnate, al massimo ci si regalava una gitarella a san marino. il massimo del kitch.
    e solo nel mese di dicembre si arrivava all’esp e c’era il gusto di girare per negozi. perchè erano pochi e si facevano anche chilometri. se l’offerta è troppa passa la voglia di desiderare. (e sono convinta che la grande distribuzione finirà e torneremo alla bottega!

  • Certamente è meglio lavorare di domenica che non avere un lavoro, ma trovo aberrante che ci siano persone che misurano la “civiltà e il progresso” coi negozi aperti la domenica!!! mi chiedo quanti di questi sarebbero poi disponibili ad andare a lavorare nei festivi a loro volta….

Leave a Reply

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

CommentLuv badge