Archivi

Argomenti

*Il Supermarket degli Uomini*

in costruzione

Settebre è arrivato ovvero sintomatologia di un delirio.

Settebre è arrivato e con lui la tanto sospirata pioggia.
Vi mancava, vero, la pioggia?
Quel tic tic sommesso nel vetro appena lucidato, le impronte fangose sul pavimento immacolato (troppo bianco sbiancheggia, no?), la coperta sul letto…
Bene, adesso riabbiamo tutto questo e presto ci rimpinzeremo con le gioie dell’autunno, prima fra tutte, il tanto sospirato e agognato rientro a scuola dei bambini. Dài, infondo (mooolto in fondo) sono contenti pure loro di ritrovare il loro vecchi amici.

Raffa inizierà il primo anno di scuola dell’infazia, il termine fighetto per indicare la scuola matera che, ai miei tempi, era a sua volta il termine fighetto per indicare l’asilo. Cambiano le parole ma non cambia la sostanza.

E invece no, molte volte la sostanza cambia proprio in base alle parole.
Può sembrare un paradosso, ma cambiare nome a qualcosa, spesso ne altera pure le qualità proprie che fino ad un momento prima ci sembravano oggettivamente intrinseche nel soggetto in questione.

Facciamo un esempio: io sono una mamma, ho due bambini. Di me si potrebbe tranquillamente dire che sono un’assassina. Pazzesco? Per un sempre più nutrito gruppo di persone no.

Dovete sapere che esistono persone che accusano le persone che decidono liberamente di esercitare il loro diritto alla riproduzione di danneggiare in questo modo il pianeta e tutta l’umanità.

Siamo troppi, dicono. Non ci sono risorse per tutti.
Forse hanno ragione, ma non è levando e me il diritto di avere bambini che si risolvono i problemi del genere umano come la fame nel mondo.

L’Italia è già un paese in calo.
Stanno diventando tutti vecchi.
Ci saranno badanti per tutti?
Loro non si pongono il problema, c’è l’eutanasia.

Secondo voi, questo è delirio?
Per me sì, ma per loro la pazza sono io.

Cosa volete farci, ormai la soggettività ha preso il sopravvento e ciò che deve essere è perché la maggior parte pensa che sia.

In Italia c’è una media di 1,4 figli per donna.
Per rimanere stabili dovrebbero essere circa 2.

Dunque, o voi, uomini deliranti che mi frantumate i frantumanti, frantumatevi i vostri (così siete pure contenti che non vi riproducete) e pensate che una donzella che decide liberamente di usare il suo utero come le pare, sfornando una decina di figli non fa altro che permettere a quattro altre signore di usare il loro utero come pare a loro non partorendo bimbi.

Sempre se non volete una gerontocrazia.
Art. 1 L’Italia sarà una repubblica fondata sulle badanti.

Che poi badare ad un anziano non autosufficiente è alienante.
E non mi pare neppure giusto che, dopo una vita di lavoro e sacrifici, non l’aspetto altro che il punturone del sonno eterno.

 

 

Share this nice post:

Leave a Reply

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

CommentLuv badge