Archivi

Argomenti

*Il Supermarket degli Uomini*

in costruzione

Politica caccona 3: la vendemmia

Nel giornale dei preti (per fortuna che c’è) ovvero il Nuovo Diario Messaggero, finalmente esco dal buio della mia ignoranza e vedo per la prima volta volta le facce dei canditati alle provinciali di Ravenna.

Sono sette, ve li elenco:

  • Claudio Casadio (pri-pd-laburisti-idv-sinistra-sel)
  • Cinzia Pasi (ravenna virtuosa)
  • Desideria Raggi (fn)
  • Rudi Capucci (pdl-lega nord)
  • Gianfranco Spadoni (udc)
  • Patrizia Ricci (la destra)
  • Guido Baldrati Folli (fli)

Vengono poste tre domande su viabilità,  sanità ed istituzioni, argomenti dei quali (sono sincera) mi interessa ben poco, avrei preferito sentire le loro opinioni su aiuti alle famiglie, scuola e occupazione femminile, ma vebbeh, almeno li vedo in faccia.

Qualche considerazione di carattere generale:

la sinistra ha una lista (imparo adesso che esiste un partito laburista in Italia, non l’avevo mai sentito nominare, ma vabbeh, forse è anche colpa mia che mi informo poco), la destra quattro (cinque, se consideriamo l’udc come centro spostato a destra come mi pare), poi ci sono i virtuosi ravennati che immagino si offendano se provo a collocarli da qualche parte.

Ora, accetto scommesse: secondo voi, chi vincerà? Una delle diecimila listine della destra o il megalistone assorbitutto della sinistra?

Non c’è gusto perché non c’è gara, non c’è, punto.

Mi pare quasi che la destra a Ravenna si sia rassegnata a non vincere e vada divisa per accaparrarsi più poltrone che può.
Che brutto.

Se tutti i partitini di destra ne facessero uno solo ci sarebbero loro, la sinistra e l’antidestraesinistra. Allora sì che le cose si farebbero interessanti.
Allora sì che forse la destra avrebbe una tenue possibilità di vittoria e i voti dati ai “virtuosi” sarebbero lo specchio di chi è stanco di destra e sinistra.

Si vede anche dalla campagna elettorale che la destra non ne ha voglia…
Che brutto due.
Dov’è la competizione politica? Questo mi piace, la dialettica, lo scontro verbale, gli ideali a confronto.
Perché la politica non è così?
Perché è fatta di persone che da quando hanno il diritto di voto votano ad occhi chiusi il partito del cuore e buona notte?
Voglio la battaglia verbale!!!!!

Share this nice post:

3 comments to Politica caccona 3: la vendemmia

  • per la destra nel ravennate vale un po’ lo stesso monito che si potrebbe dare alla sinistra in italia.
    casadio non lo sopporto, secondo me è il baluardo della sinistra degli interessi che amministra faenza da troppo tempo.
    detto questo, lo sai che la destra non la potrei votare. sapevo a malapena che c’erano le provinciali, sinceramente. Mi dici tu per la prima volta i nomi dei candidati. Alla fine farò scheda nulla.

  • È triste, ma quello che hai detto vale pure per me, però mi dispiace anche fare scheda nulla :(

  • bullboy

    io voto il partito dell amore WLF

Leave a Reply

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

CommentLuv badge