Archivi

Argomenti

*Il Supermarket degli Uomini*

in costruzione

Stranieri

Oggi passando davanti ai manifesti elettorali ho notato quello della Lega Nord, devo dire che è di grande impatto emotivo: il nonnino e il bimbo infondo alla fila e davanti una masnada di stranieri brutti, sporchi e cattivi, ma soprattutto scrocconi.
Allora mi è venuto in mente quell’episodio in cui una ragazza credo magrebina, si è buttata giù dalla finestra dell’ufficio del sindaco per paura di tornare al suo paese.
Ed ho pensato alla nuova tratta degli schiavi, altro non posso chiamarla (e se pensiamo alle navi negriere il paragone è calzante) l’ondata di clanestini o meglio disperati che scappano per cercare di stare meglio in Italia.

Stare meglio in Italia.

Mi sembra di scrivere il sole è verde.
Allora penso che i poveretti devono proprio patire davvero tanto se sognano in questo paese un futuro migliore e rischiano la vita per arrivarci.
Davanti ad una persona che soffre come fai a dire tornatene a casa tua?

Poi penso ad un mussulmano che decide di prendere dimora in Romagna, la patria della piadina al prosciutto (o se preferite salame o salsiccia, ma la classica è al crudo) e del Sangiovese (per non parlare poi del MIGLIACCIO che è caduto in disuso).
Deve avere un discreto stomaco.
Come fa un buon padre islamico a crescere i suoi figli secondo la sua religione, quando qua si fa il contrario? (es: minorenni mezze nude ubriache)
Poi mi viene in mente una scenetta oscena: una donna velata trova suo marito con due escort e lui si giustifica dicendo: Ma cara, mi sto solo integrando!

Che voglia avranno gli stranieri di integrarsi con l’esempio che diamo loro?
Molti italiani se vengono creduti stranieri ne fanno motivo di orgoglio!

In classe con il Raoul ci sono bambini italiani dai nomi stranieri, bambini stranieri dai nomi italiani e bambini “misti” alcuni con nomi stranieri, altri con nomi italiani. Il migliore amico del Raoul ha nome italiano ma la mamma no.
Di tutte (passatemi il termine) ‘ste menate a lui non interessa troppo: non vuole giocare con quel o quella bambina non per le sue origini ma perché (a suo dire) ride o piange sempre, in pratica non sopporta le bambine frignone e i bimbi dispettosi e queste due caratteristiche sono universali (insieme a tante altre).

Share this nice post:

Leave a Reply

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

CommentLuv badge