Archivi

Argomenti

*Il Supermarket degli Uomini*

in costruzione

Il bastone e la carota, ovvero quanto più ti avvicini, ti allontani.

Ieri sera ero stanca, volevo andarmi a letto, i piccoli erano di tutt’altro avviso così, per attirarli a letto ho preso due caramelle e gliele sventolavo sotto i nasini: “Dai prendetele! Salite le scale!”
Tendevano le manine e man mano che avanzavano avanzavo anche io finché non siamo finalmente arrivati in camera da letto.
Ho pensato che stavo usando il metodo del bastone e della carota, che non consiste della bastonata se si è cattivi e nel premio se si è bravi, bensì nel miraggio di un premio che è avanti, sempre avanti e paradossalmente diviene meta irraggiungibile.

In pratica funziona così: tempo fa (molto tempo fa), non sempre i somarelli erano d’accordo con i loro padroni e i metodi di convincimento in genere erano le frustate, finché un uomo più furbo (o più sadico?) degli altri prese un bastone e invece di usarlo per colpire l’animale, ci attaccò una corda con legata una carota e la sventolò sotto il naso del somarino.
L’asinello, accorgendosi della prelibatezza del bocconcino, fece per avvicinarsi e mangiarlo, ma la carota era ancora alla stessa distanza di prima perché il padrone seduto sulla groppa faceva in modo che il tubero fosse a distanza costante dalla bocca dell’asino.
Hai voglia a camminare e correre per raggiungere la carota! Comunque fosse, la distanza era quella, ma l’asino non lo sapeva ed era convinto che impegnandosi sarebbe arrivato a papparsela. Intanto il tempo passava e senza renderse conto, il somaro aveva portato a destinazione l’uomo.
Se poi avesse ricompesato infine con la carota il suo animale, non è dato da sapere, ma io sono convinta che no, non l’ha fatto.

Morale della favola: ci sono persone che per raggiungere i loro scopi contro la tua volontà usano miraggi e illusioni irraggiungibili.

Epilogo immaginato dalla sottoscritta.
Arrivati alla meta, l’uomo mangiò la carota in barba all’asino che arrabbiato chiese al padrone: “Ma come mai non sono riuscito a mangiare la carota promessa?”
E il padrone: “Colpa tua: è sempre stata davanti al tuo naso, con un po’ di impegno l’avresti potuta afferrare!”
Niente di più falso, ma il somaro crede al padrone e dopo il danno, la beffa.

Posso dirlo? Sembra un po’ la storia della mia vita.

Share this nice post:

2 comments to Il bastone e la carota, ovvero quanto più ti avvicini, ti allontani.

Leave a Reply

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

CommentLuv badge