Archivi

Argomenti

*Il Supermarket degli Uomini*

in costruzione

Il raggiungimento della meta è solo l'inizio di un nuovo viaggio, ovvero battaglie da genitore.

Innanzitutto, buona Pasqua. No, non sono morta, sono solo sparita per un po’. Anzi, diciamo che mi sono ritirata dentro me stessa per un certo periodo.

Sono cambiate tante cose, in questo periodo di assenza, in verità non è cambiato nulla, ho solo finalmente capito.

Capire per me è *f o n d a m [...]

Ciò che non saprai mai ovvero sofferenze nascoste.

Ce n’è almeno uno in ogni famiglia. Non mentire, c’è anche nella tua, se ci pensi bene. È quel parente che c’è, ma nessuno ne parla. A volte è ancora vivo, generalmente è morto da tempo, come pure le persone che potevano raccontare la verità. Li vedi come cambiano, quando gliene accenni, tergiversano, divagano, per [...]

Favoletta precaria ovvero italiani passati e presenti

C’era una volta, nel secolo scorso, un bambino che subito dopo aver fatto la Prima Comunione (nel senso del lunedì dopo), fu mandato a lavorare come garzone con il contratto che vigeva all’epoca: lui lavorava e suo padre passava a ritirare la paga. Arrivò la guerra e si ritrovò da giovanotto prigioniero in Russia. La [...]

Vecchi ricordi, ovvero: se non ti piace non leggere.

Tutto parte da un tweet. Da qualche tempo a questa parte quasi qualsiasi cosa parte da un tweet. E dalla mia curiosità,ovviamente. Fatto sta che un hastag mi porta a questo articolo. Credetemi, sarei stata ben lieta di lasciare la mia opinione direttamente lì ma, dopo due giorni di tentativi falliti, la mia pazienza è [...]

Il mistero della tracciabilità del panettone, ovvero: si stava meglio quando si stava peggio anche se i treni arrivano ugualmente in ritardo

Immaginate la scena: stessa borsa, stesso cappotto, nessuno se n’è accorto. Sono passati cinque anni e siamo ancora lì, a ridere e chiacchirare. Oh Bologna! Quanto mi manca il periodo in cui ti attraversavo, ingenua e spensierata, quando il mio problema più serio era trovare posto in aula computer perché avevo appuntamento in chat con [...]

Voglia di emigrare ovvero quando il futuro è un infinito muro nero.

Ieri sera ho visto “Presa diretta” ed era meglio se non lo guardavo. Beata ignoranza è proprio il caso di dirlo. C’erano dei neolaureati con super titoli e anni all’estero a cui proponevano solo stage non retribuiti senza prospettiva di assunzioni, cosa ne sarà di me che ho una misera laurea triennale in una facoltà [...]

♥ Allucinante ♥

Secondo voi, una ragazza sotto i trenta, seduta su una panchina di un parco pubblico con un libro in mano, alle otto e mezza di mattina, cosa starà facendo?

Ma iniziamo con ordine: immaginate di abitare in un paesino romagnolo di pressapoco diecimila abitanti. Sotto casa vostra, un parco pubblico con le porte per giocare [...]

Due anni appena compiuti e un’arpia ti ruba il morosino

Raffa ha subito la sua prima delusione amorosa, se così la possiamo chiamare. Farsi soffiare l’ometto che sta simpatico fa male a tutte le età, figuriamoci da piccole, nel momento in cui tutti i problemi si trasformano in tragedie. Ma iniziamo con ordine e raccontiamo i fatti (ah, uso il plurale maestatis, alla faccia di [...]